occhi negli occhi

“A volte i bambini continuano a chiamarci anche se abbiamo detto più volte “ dimmi cosa c’è ? “ . Solo quando ci avviciniamo a loro e li guardiamo negli occhi sembra che la nostra frase sia ascoltata. “

Vi siete chiesti il motivo ? Fermatevi a pensarci . Fermatevi un istante. Dategli attenzioni e datevi la possibilità di farlo, datevi attenzione. Non è mai troppo presto per cominciare a farlo, concedetevelo dal primo giorno. Nessuno potrà sostituire lo sguardo di vostro figlio che cerca di leggere nei vostri occhi e nessuno potrà sostituire lui per voi. Siete unici per voi stessi ed è per questo che da sempre, da subito, dalla nascita  i bambini non si accontentano di una risposta veloce impersonale. Certo, crescendo cambieranno le loro modalità comunicative ed esprimeranno diversamente la richiesta di attenzione nei vostri confronti: prima non parleranno a voce ma solo con lo sguardo e poi con la gestualità è proprio per questo che è fondamentale prestare loro attenzione con i vostri occhi per leggere ciò che vi stanno dicendo.

Troppo spesso noi adulti siamo distratti dal cellulare , impegnati a leggere un sms al volo, troppo spesso incantati davanti ad un monitor e troppo spesso poco più in là c’è un bambino che vi presta i suoi occhi dall’altra parte del monitor. Una bambino che ha bisogno di ritrovarsi nel vostro sguardo per sentirsi ascoltato e visto, visto nel senso di riconosciuto. Ha bisogno di quegli occhi che lo rispecchiano per entrare in relazione con voi. Rallentate voi per lui, per il vostro insieme, per esserci, esserci veramente, fate un respiro profondo se vi sentite di non farcela, fatene un altro e un altro , almeno tre. Avvicinatevi a quegli occhi curiosi, avvicinatevi a quello sguardo che aspetta solo voi.

Si lo so, non è tutta poesia: la vita è frenetica , si corre per andare al lavoro, per fare la spesa, per pulire casa e allora ci sentiamo in diritto di vedere quel video che fa tanto ridere su YouTube. Certo che si. E allora io non dico di non farlo , anzi.. una mamma o un papà che si è fatto una risata in più , potrà donare una risata in più anche a suo figlio. Ma ragionate su “quando” è il momento migliore per farlo: per voi così da farvela grassa grassa la risata  e per godervela al massimo e per lui , perché l’attenzione che gli darete sarà unica e non divisibile con qualcos’altro ! Cercate di esserci quando potete e di esserci per vostro figlio completamente , al 100%. Non sottovalutate la sensibilità dei bambini, vi leggeranno dentro anche se non lo vorrete e se non “sarete lì” con la testa e con lo sguardo lo sapranno prima di voi. Non fatevi guardare da dietro quel monitor. Meglio un tempo minore ma di qualità che un tempo più ampio senza guardarsi negli occhi. E ricordate che starete meglio dopo quella grassa risata !

Fonti : Elisabetta Rossini e Elena Urso, “ i bambini devono fare da soli senza mai sentirsi soli “  2016, Gruppo Edicart

Tracy Hogg “ Il linguaggio segreto dei neonati “ 2013, Mondadori

Ciaaaaao

Continua a Leggere...

Benvenuta pupetta: lista nascita di Emma

Se sei qui è perchè hai deciso di donare qualcosa a pupetta per la sua imminente nascita e ti ringraziamo fin d’ora. Potrai farlo selezionando ciò che preferisci dalle aree tematiche che sono: curiamoci la pelle andiamo a spasso ricarichiamo le pile leggiamo un libro facciamo esperienze e scoperte vestiamoci Sotto ad ogni immagine, nelle […]

Continua a leggere...

Genitori perfetti? No, grazie!

Da futuri genitori è assolutamente normale cominciare a porsi interrogativi su come cambierà la nostra vita, come ci comporteremo ( come sarebbe meglio comportarci), come vorremmo porci, quale sarebbe la cosa più giusta da fare.. e potrei andare avanti ancora per molto! Ecco 6 punti su cui riflettere:  le persone non sono perfette, perciò non […]

Continua a leggere...

Genitori to be… 1+1 = 3

Cari lettori, è arrivato il momento per me di cominciare una nuova avventura sul web insieme a voi! Sono stata prudente e scaramantica ma al momento mi sento di annunciarvi che sono in dolce attesa e che tra qualche mese arriverà una pupetta a casa con me e Marco. Perchè vi racconto questo?! Perchè ho […]

Continua a leggere...

Un bagno di autonomia

Cari genitori, si sa, i bambini amano osservarvi e imitarvi, aggiungiamo anche che difficilmente resistono al fascino dell’acqua, ed ecco che vi sarà sicuramente accaduto di vederli incuriositi dalle vostre attività di cura e di pulizia in bagno, o vederli aprire il rubinetto del bidet che solitamente è a tutti gli effetti una vaschetta (molto […]

Continua a leggere...

Autonomia (anche) su due ruote

Oggi vi propongo di fare insieme un giro in bicicletta,  almeno virtualmente.  Cosa vi viene in mente? Che emozioni vi suscita? A me viene immediatamente in mente un grande senso di libertà, voglia di spingermi oltre le mie possibilità, di sfidare i miei limiti, voglia di far scorrere le ruote senza fare troppa fatica, altre […]

Continua a leggere...

un angolo lettura

La lettura è strettamente connessa allo sviluppo del bambino e più nello specifico allo sviluppo cognitivo (del cervello), linguistico, relazionale ed emotivo. La promozione alla lettura ad alta voce è sempre più valorizzata da tutti gli esperti che seguono la crescita dei bambini: dai pediatri ai pedagogisti, agli educatori, alle ostetriche, ebbene sì, anche dalle […]

Continua a leggere...

Quanti ? (giochi)

Quante volte vi è capitato di guardare il vostro bambino o la vostra bambina rimescolare fra i giochi e non sceglierne nemmeno uno?! “Ma com’è possibile? Cosa c’è che non va? Forse non sa giocare?! Cosa posso fare?” Queste sono alcune delle domande che più spesso mi sento porre . “Dove si trovano i giochi?”chiedo“ […]

Continua a leggere...

Coinquilino o ospite, il tuo bambino?

Quando nasce un bambino automaticamente nasce un nuovo equilibrio di coppia, di vita, di famiglia ? Non è così scontato: la coppia ha bisogno di andare alla ricerca di un nuovo equilibrio, ma prima di tutto i singoli componenti. La mamma spesso ha bisogno di ritrovare prima se stessa considerando che è assorbita da ritmi […]

Continua a leggere...

L’arte del riordino della cameretta

Oggi ho scoperto A P O I = associazione italiana professional organizers e se ho ben capito si tratta di esperti che intervengono a richiesta per supportare persone o aziende nel fare ordine, selezionare, ottimizzare, con l’obiettivo di rendere più consapevole chi chiede aiuto, in modo che poi possa fare da solo! Beh, io adoro […]

Continua a leggere...

Un lettino, senza s-barre!

Il lettino viene solitamente acquistato o recuperato da amici, parenti, conoscenti e sistemato nella futura cameretta ben prima della nascita del bambino, della bambina e in un momento in cui i futuri genitori difficilmente riescono a rendersi conto di come sarà il momento della nanna quasi un anno dopo, considerate che i bambini possono iniziare a […]

Continua a leggere...